243 visite

Ciisa, Chierchia, libertà di scelta e tampone a tutti i lavoratori ogni 72h, meno discriminazione.

La Ciisa in merito all’obbligo vaccinale si ritiene neutrale e favorevole alla libertà di scelta del lavoratore e condanna ogni discriminazione: <<sull’obbligo vaccinali lo Stato si assuma tutta la responsabilità ma con legge, cosa che fino ad oggi non ha fatto, ma, in tutti i modi, cerca di raggiungere l’obiettivo in maniera oppressiva e discriminatoria contro chi la pensa diversamente>> .

I lavoratori devono avere la massima libertà di scelta sui vaccini. La tutela del lavoratore Sul luogo di lavoro deve avvenire attraverso un controllo ponderato ogni 72h, sottoponendo i lavoratori ad un tampone salivare, solo così si possano evitare contagi (fino al termine dell’emergenza sanitaria fissata, ad oggi, al 31 dicembre 2021).

<<Molti lavoratori sono stati colpiti dalla malattia, grazie anche alla mancanza dei dispositivi di sicurezza idonei sin dall’inizio della pandemia. Si ricorda che a molti lavoratori del comparto sicurezza, in particolare dell’istituto penitenziario di Pisa, vietavano l’uso delle mascherine perché così facendo si evitava una reazioni da parte dei detenuti nei confronti degli operatori… per questo errore c’è stato un focolaio di oltre 40 dipendenti colpiti dal covid19 e tutto ciò in barba alla salute del lavoratore! Inoltre tanti agenti sono stati “minacciati di sanzione disciplinare” nel caso indossassero i DPI. Abuso di potere?>>

Si potrebbe andare avanti, scrivendo enciclopedie e ricordate i protocolli ospedalieri errati all’inizio della pandemia?

<<Ecco tutto sanato con una legge “lo scudo legale”. Tutti salvi, politici, medici, dirigenti, funzionari ecc.. Ora, invece,  l’Esecutivo fa quadrato contro i lavoratori e presenta un ennesimo decreto legge: “se non ti vaccini e/o non hai il Green Pass a casa fino alla fine della pandemia e senza Stipendio”.>>

In uno Stato di diritto vi sembra normale?

Molti sono gli interrogativi e la Ciisa, prende la strada maestra e cavalca l’affermazione dello scienziato Luc Montagnier, virologo francese e vincitore del Premio Nobel per la Medicina 2008 per la scoperta del virus che causa l’Aids, afferma: <<che la vaccinazione di massa contro il virus Covid-19 è un “errore inaccettabile” e un errore storico, che porta all’emergere di varie forme del virus Corona che causa la morte di innumerevoli persone>>. 

Ecco le scuole di pensiero sono tante e proprio queste diversità, confondono il cittadino, il lavoratore, l’individuo sulla propria soggettiva decisione e che secondo noi, non può e non deve, essere influenzata da nessuno.

<<In uno Stato di diritto non si deve trasmettere ODIO si deve garantire la giusta dose di SERENITÀ e di RISPETTO, condizione emotiva che porta PACE e TRANQUILLITÀ e che in questi ultimi tempi è venuto a mancare.>>

Uno Stato che non vuole bene il proprio popolo, che discrimina i no Vax e/o i ritardatari pensatori, e mette uno contro l’altro e apparentemente istiga all’odio, è gravissimo .

<<Un “buon padre di famiglia” non scarica mai un figlio>>.

Lo dichiara Romeo Chierchia Segretario Generale Confederale della Ciisa.

 

Written by