Espulso. Luca Palamara radiato dalla magistratura: “Pago io per tutti”.

Non dovrà vestire mai più la toga. Rimosso dall’ordine giudiziario, perché ha commesso illeciti disciplinari “di elevatissima gravità”. Perché è stato, lo ha detto la procura generale della Cassazione durante la requisitoria, “regista e organizzatore della strategia sulle nomine” dei vertici delle più importanti procure italiane.